Il mobility lease della legge Elan: tutto quello che c’è da sapere

Creato dalla legge ELAN (Evolution of Housing, Planning and Digital) e realizzato da novembre 2018, il contratto di locazione di mobilità promuove la mobilità professionale. Più flessibile del contratto di locazione tradizionale, è più adatto per coloro che hanno bisogno di rimanere durante un contratto o una missione temporanea.

Che cos’è il contratto di locazione di mobilità?

Il contratto di locazione di mobilità è un contratto di locazione a breve termine che si applica solo alle abitazioni ammobiliate. Più flessibile di un contratto di locazione convenzionale, consente un più facile accesso all’alloggio per le persone con mobilità professionale, ma solo a determinate condizioni. Questo tipo di affitto si sta sviluppando sempre più a Parigi, gli affitti di tipo Airbnb sono sempre più controllati. Potete consultare qui i nostri affitti a breve termine a Parigi, disponibili con il contratto di mobilità quando la durata è superiore a un mese.

Chi può beneficiare del contratto di locazione di mobilità?

Il contratto di locazione di mobilità è una delle migliori soluzioni per le persone che hanno bisogno di trovare un alloggio temporaneo, per affitti a breve o medio termine e per essere certi di essere in grado di muoversi rapidamente e senza difficoltà.

In particolare, il contratto di locazione di mobilità riguarda gli studenti che devono trovare un appartamento arredato per il momento di uno stage o per i loro studi, persone in situazioni di mobilità professionale, sia per una missione temporanea, il tempo di formazione, per un contratto di apprendistato, per i lavoratori stagionali o nell’ambito di un impegno per il servizio civico.

Può anche essere un ottimo modo per beneficiare di un appartamento fornito temporaneo per gli espatriati all’arrivo nel paese, o come parte di un trasferimento, permettendo loro di scoprire la città e sapere in quale quartiere vorrebbero stabilirsi in seguito. È anche interessante per gli impatriati, al loro ritorno dall’espatriato, in attesa di recuperare o acquisire la propria casa. Inoltre, per aiutarvi nella ricerca del vostro alloggio e beneficiare di un appartamento temporaneo al vostro ritorno dall’espatriato o per un trasferimento, è possibile ottenere aiuto nei vostri passi da un’agenzia di ricollocazione.

Va notato che l’inquilino deve giustificare il suo diritto di affittare un’abitazione ammobiliata tramite il contratto di mobilità fornendo, ad esempio, una copia del suo contratto o del suo contratto di tirocinio.

Quanto dura il contratto di locazione di mobilità?

A differenza di un contratto convenzionale per un affitto ammobiliato, la durata del contratto di locazione di mobilità deve essere compresa tra un minimo di 1 mese e un massimo di 10. Se non è rinnovabile, tuttavia, può essere rivisto durante il noleggio, ad esempio per essere esteso, a condizione che la durata totale della locazione non superi i 10 mesi. Il contratto può essere modificato una sola volta. Alla fine, il proprietario sarà in grado di recuperare la sua abitazione o estendere il contratto del suo inquilino, ma in questo caso passeranno a un contratto di locazione convenzionale.

A meno che il valore predefinito di lesso non possa terminare il lease corrente. L’inquilino, d’altra parte, può lasciare l’abitazione quando vuole inviando una lettera raccomandata con preavviso,con atto di ufficiale giudiziario o tramite una consegna manuale contro la firma o la ricevuta. Dovrà quindi rispettare un mese di preavviso dal momento in cui il corriere riceve la posta.

Quali sono le condizioni per affittare la vostra casa con un contratto di locazione di mobilità?

Il padrone di casa deve garantire che il suo alloggio sia decente e garantire all’inquilino un minimo di attrezzature come biancheria da letto con coperta o piumino, un frigorifero, piatti sufficienti e utensili da cucina, un tavolo, ecc. Dai un’occhiata all’elenco completo.

Quali sono i termini e le garanzie per gli inquilini e i proprietari?

Per affittare l’immobile tramite il contratto di locazione di mobilità, il minore non ha bisogno di alcuna autorizzazione o di fare una dichiarazione amministrativa. L’inquilino non deve pagare una cauzione. Tuttavia, grazie alla garanzia Visale, può richiedere un deposito, vale a dire garanti, che accettano di pagare le spese e gli affitti se non pagati dall’inquilino o essere coperti in caso di possibile deterioramento dell’abitazione.

Quali sono le regole per le canoni di locazione e affitto?

L’importo dell’affitto è fissato dal locatore – a meno che non si trovi in una zona tesa e in questo caso è soggetto alla regola del controllo degli affitti – e non può essere modificato per la durata del contratto di locazione. Per quanto riguarda le spese di affitto, sono pagati dall’inquilino sotto forma di un pacchetto stabilito dal padrone di casa che imposta anche i periodi di pagamento se stesso.

È possibile coinquilino?

Per gli studenti in particolare, la co-ubicazione spesso si rivela essere il modo migliore per trovare un alloggio più facilmente, riducendo al contempo il costo dell’affitto. Con il contratto di locazione di mobilità, il compagno di stanza è possibile, d’altra parte, il minore non sarà in grado di applicare le clausole di solidarietà tra i compagni di stanza o le loro obbligazioni.

E la fiscalità?

Sul versante fiscale, come per gli altri affitti ammortizzati ordinari, gli affitti riscossi da locazione con leasing di mobilità sono tassati nella categoria degli utili industriali e commerciali (BIC).

Per stabilire un contratto di locazione di mobilità formale, ecco la procedura da seguire.